Per appuntamenti +39.388.1183640 e per informazioni mediche +39.333.3926736

Home
Mar
07

Il robot Da Vinci nella chirurgia robotica colo rettale

Thumbnail di Il robot Da Vinci nella chirurgia robotica colo rettale

Robot è un termine oramai universale: è trasversalmente riconosciuto come macchina autonoma, o parzialmente programmabile, in grado di svolgere le funzioni in maniera precisa e ripetitiva per cui viene preposta. Il termine storicamente origina dalla lingua Ceca – robota – che significa schiavo, lavoratore forzato, utilizzato per la prima volta dallo scrittore cecoslovacco Karel Capek nel 1920 in una personale piece teatrale.

Nel nuovo millennio, la robotica è presente costantemente nel nostro quotidiano, dal semplice frullatore alle moderne aspirapolveri, ma è nella chirurgia che la robotica trova la sua massima espressione.

Effettuiamo trattamenti con robot Da Vinci nella nostra struttura di Roma. Compila il form oppure chiama i numeri +39.06.36208923924 oppure +39.333.3926736 o +39.388.1183640 per avere maggiori informazioni

 
 

Robot da Vinci e chirurgia colo rettale

Il robot Da Vinci, giunto alla sua quarta classe di evoluzione, è una macchina dall’assoluta precisione e capacità massima di gradi di libertà. Nella chirurgia colo rettale e transanale, sempre più ampio è il suo impiego magnificando i risultati già ottenuti con la chirurgia laparoscopica.

La nitidezza delle immagini in 3D offerte alla vista del chirurgo operatore, la possibilità di lavorare con tre bracci operativi oltre alla telecamera ed alla porta di accesso del chirurgo aiuto, l’ampia e maggiormente performante capacità di libertà di movimento dei bracci operatori sui 4 assi, l’ampiezza di mezzi di sintesi mono e bipolare, consentono al chirurgo operatore i più raffinati e fini movimenti, decisivi ai fini di una corretta chirurgia oncologica e al tempo stesso funzionale.

Ad esempio, nella chirurgia colo rettale oncologica, fin dagli anni ottanta la scuola giapponese mise a punto la nerve sparring technique attraverso la quale si risparmiano, durante la dissezione rettale, le fini strutture nervose particolarmente delicate nell’uomo in quanto deputate al funzionamento dell’erezione e dell’eiaculazione nell’uomo ed il cui danno porta ovviamente alla disfunzione erettile ed eiaculatoria.

Nella chirurgia robotica la precisione del gesto, del movimento e la visione estremamente accurata, permettono la migliore conservazione delle strutture nervose descritte. Non solo, ma anche la dissezione del retto viene condotta in modo tale da rispettarne le caratteristiche funzionali nonché il più accurato rispetto delle regole chirurgiche oncologiche.

La robotica Da Vinci sfrutta l’esperienza laparoscopica elevandone al massimo livello la performance, con un post-operatorio assolutamente rispettoso della più veloce ospedalizzazione, della ripresa delle attività personali, alimentazione e mobilizzazione assolutamente precoce, e professionali, associata a scarso uso di antibiotici, solo in fase preoperatoria, e degli antidolorifici.

In tema di economia, le elevate spese di gestione della chirurgia robotica a fronte dei vantaggi resi, sono attualmente materia di riflessione per il maggior contenimento dei costi sostenibili verso una maggiore utilizzazione del robot a favore dell’uomo.