Per Appuntamenti STUDI MEDICI ARS MEDICA +39.06.36208923 - 924 oppure +39.333.3926736 o +39.388.1183640

Ott
29

Chirurgia mininvasiva conservativa nel trattamento del cancro del retto, nuovi risultati.

Thumbnail di Chirurgia mininvasiva conservativa nel trattamento del cancro del retto, nuovi risultati.

Per quanto riguarda il trattamento del cancro del retto, le tecniche chirurgiche mininvasive hanno reso possibile alcune strategie elaborate per migliorare al tempo stesso la sopravvivenza libera da malattia, la qualità della vita e la riduzione delle recidive locali. In particolare la chirurgia è al centro di un network multidisciplinare: la radio e chemioterapia, l’alimentazione, la fisioterapia, l’endoscopia, l’anatomia patologica e la tecnologia chirurgica insieme al grande contributo dato dallo screening del colon retto, hanno reso possibile l’applicazione di alcune strategie moderne circa il trattamento del cancro del retto.

Sono in atto degli studi centrati su di un modello terapeutico che prevede l’identificazione di tumori del retto assai prossimi al margine anale definiti T2, cioè estesi in profondità alla parete del retto sino ad occupare la sua porzione muscolare, poi a seguire step terapeutici caratterizzati da adeguata radioterapia per 6 settimane associata a cicli di chemioterapia. Terminata la radio e la chemioterapia, sei settimane dopo rivalutazione della neoplasia con risonanza magnetica pelvica, ecografia trans anale e se la neoplasia risulta essere ridotta in maniera significativa, è possibile eseguire l’asportazione per via anale, non per via addominale, della neoplasia secondo criteri chirurgici oncologici ben precisi, aspettando l’esame istologico. È possibile associare poi, sulla base dell’esame istologico, un ulteriore richiamo di radio e/o chemio ovvero l’osservazione clinica.

È bene sottolineare che il modello terapeutico ha delle indicazioni molto specifiche, piccoli tumori del retto la cui profondità non superi lo strato muscolare della parete rettale stessa. Sono in corso degli studi per valutare i vantaggi in termini di sopravvivenza libera da malattia e di qualità di vita in virtù di una chirurgia mininvasiva e conservatrice che al momento, dai risultati preliminari , sembrano essere assai promettenti

Fissa un appuntamento