Per Appuntamenti +39.333.3926736 o +39.388.1183640

Lug
02

Donna e proctologia

Thumbnail di Donna e proctologia

Quando si partecipa ai forum donna su tematiche mediche, non è infrequente riscontrare che, uno degli argomenti più dibattuti, siano le patologie che riguardano la funzione digestiva, in particolare modo i disturbi correlati alla defecazione. Alcune chiedono informazioni sul perché avvertono dolore nel perineo posteriore durante l’atto sessuale e se in qualche maniera può essere correlato alla stipsi cronica di cui sono affette; altre ancora chiedono informazioni su come poter migliorare la propria performance defecatoria, utilizzando magari qualche erba magica piuttosto che un lassativo efficace. Molte chiedono informazioni su quale figura medica si debba interpellare per eventuali prolassi della vescica o del retto, sperando di trovare un medico specialista donna che in qualche maniera permetta loro di parlare liberamente dei propri problemi. Altre ancora, intervengono per spiegare come si viene visitate, indicando magari quel o quella proctologa che, a loro modo di vedere, abbiano avuto maggior accortezza e tatto nell’espletare la visita. Molte sono le domande sull’esistenza di possibili tecniche chirurgiche che siano in grado, al tempo stesso, di trattare in maniera soddisfacente la patologia di cui si è affetti con il minimo dolore e con il minor tempo possibile da impiegare per la ripresa delle attività sociali; ci si chiede com’è il post operatorio, se la struttura ospedaliera recettiva sia stata in qualche modo all’altezza delle aspettative o no. Tutto questo argomentare porta a delle riflessioni: se cioè tutto ciò non sia dovuto alla mancanza di comunicazione che deve esistere tra medico e paziente e se , nonostante l’evoluzione della società, ancora non siano decaduti del tutto la reticenza, la riservatezza atavica della donna, i tabù che impediscono un franco colloquio con gli specialisti del settore, privandosi quindi della possibilità di risolvere in maniera brillante ed efficace queste limitazioni. Certamente la proctologia moderna è quel settore ultra specialistico che, più di tutte le altre discipline medico chirurgiche, ha sviluppato la massima capacità nel capire le patologie del pavimento pelvico della donna e trattarle con tecniche e tecnologie chirurgiche avanzate, rispettose del confort post operatorio, della degenza ospedaliera, della pronta ripresa delle attività sociali e del miglior risultato in termini di guarigione dalla patologia. Non è importante se la figura del proctologo a Roma piuttosto che su Milano sia maschile o femminile:proctologo o proctologa, è importante ascoltare il paziente e saperlo instradare in un percorso che lo porti a comprendere la patologia di cui è affetto, la terapia sia essa medica o chirurgica la più adeguata da seguire, il risultato massimo ottenibile dal percorso terapeutico scelto. La visita proctologica a Roma o a Milano così fatta può dare sicuramente le risposte migliori e performanti .